Il Territorio

Visite: 6199

Noria con AsinoDell'acqua sorgiva sotterranea presente nelle falde acquifere è sempre stato fatto un grosso uso per scopi agricoli. Un macchinario denominato noria, nel dialetto locale indicato come la ngegne, consentiva di portare l'acqua in superficie in quantità tale da essere usato a scopo irriguo.

Visite: 9364

Molti centri della Puglia sorgono in prossimità di depositi sabbiosi di età quaternaria, spesso con inclusioni argillose o di limo argilloso. Tali depositi sono sede di falde acquifere superficiali; questa situazione idrogeologica in passato è stata favorevole all'insediamento e allo sviluppo di centri abitati.

Visite: 6064

Alle falde delle Murge, nell'agro di Acquaviva, in contrada Curtomartino, c'è una grandissima spelonca, dall'angusto ingresso, che s'inoltra nelle viscere della terra con diverse grotte.
Da ricerche fatte da speleologi ed antropologi si sa che è un sito preistorico.
Sono stati trovati infatti reperti archeologici che risalgono al paleolitico superiore, dell'entroterra barese.

Torna su