Treno Memoria 2013 - Assemblea di condivisione

Treno Memoria 2013 - Assemblea di condivisioneTreno della Memoria 2013.
Hanno partecipato: Paolo Paticchio, presidente dell'Associazione Terra del Fuoco Mediterranea e Christel Antonazzo che ha accompagnato come educatrice, la nostra delegazione durante il viaggio in Polonia che si è svolto dal 12 al 17 gennaio.
Per gli alunni che hanno partecipato al progetto è stata un'occasione per condividere con la comunità scolastica le sensazioni, i sentimenti provati durante la visita ai campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau e le riflessioni e gli impegni che ne sono scaturiti al rientro.

Il Progetto Treno della Memoria nasce dalla profonda convinzione che la costruzione di una cittadinanza attiva e consapevole non possa prescindere dalla conoscenza della Storia e della Memoria dei momenti che hanno cambiato il volto dell’Europa in cui viviamo.
Non c’è dubbio che i fatti avvenuti ad Auschwitz, massima e più terribile espressione dell’odio e della discriminazione, rappresentino in questo senso uno snodo storico fondamentale. Lo sterminio di milioni di ebrei, zingari, omosessuali, testimoni di Geova e oppositori politici – e di tutti quegli altri soggetti etichettabili dall’ideologia nazista come “diversi” – rappresenta ad oggi il punto più basso toccato dalla civiltà occidentale.

Colpisce il fatto che una così grande tragedia si sia potuta consumare nell’indifferenza generale. La costruzione di una nuova dimensione della cittadinanza, consapevole e impegnata, non può che partire dalla riflessione sull’indifferenza e sulle scelte individuali che resero possibile la barbarie.
Obiettivo del progetto è quello di creare una rete di giovani che vivano in maniera attiva la vita della loro comunità, invitandoli ad uscire dall'indifferenza che circonda i "diversi" di oggi, educandoli alla responsabilità sociale di ciascuno e sottolineando l’importanza dell'impegno personale nella costruzione di una società migliore.

Paolo Paticchio, e gli altri giovani dell'Associazione Terra del Fuoco, in se simboleggiano il successo del progetto. Paolo a solo 19 anni, dopo il suo primo "viaggio" nel 2005 con il Treno della Memoria organizzato dall'omonima associazione di Torino, ha avuto il coraggio di sognare e realizzare già nel 2006 il primo Treno pugliese grazie alla fiducia accordatagli dall Regione Puglia. Da quel momento ogni anno, grazie all'impegno di questi giovani, viene offerta a 600-700 studenti pugliesi un'occasione unica di crescita civile. 

Ringraziamo Paolo Paticchio, Laura Preite (responsabile del Treno della Memoria Puglia), Christel Antonazzo e tutti i volontari dell'Associazione Terra del Fuoco Mediterranea per il loro impegno, la loro testimonianza e per le occasioni di crescita che offrono ai nostri studenti.